stivali ugg uomo Tutti pazzi per lo shopping

stivaletto ugg Tutti pazzi per lo shopping

Iniziano gli sconti: diminuiscono i prezzi, aumentano (forse) gli acquisti e con essi probabilmente anche il pericolo di compulsivo da saldi A quanti sar capitato di rimanere incantati di fronte ad una vetrina per poi entrare in un negozio e accaparrarsi l del desiderio? A quanti servito l di un qualcosa pi o meno bello, pi o meno utile, per scordare una lite, un esame andato male, una giornata triste da cancellare?

Cos ci si tira su di morale prendendosi anche una mezza giornata libera da trascorrere tra vetrine, scaffali, saldi e conti al portafogli. Bollettino dell qualcosa di utile, qualcosa di bello, qualcosa di cool e qualcosa che non ci piace proprio o di cui non ne avevamo proprio bisogno ma che sembra essere entrato a far parte dello scontrino quasi per magia. Effetto psicologico: torniamo a casa pi rilassate, come se avessimo scoperto il rimedio pi infallibile all alla tensione, a una delusione o al cattivo umore.

Parlo prettamente al femminile perch solo noi donne sappiamo quanto possa essere terapeutico lo shopping, specialmente in maniera esponenziale in questo periodo di saldi. Questo comportamento, spesso del tutto irrazionale, trova il suo perch nel fatto che le donne usano lo shopping come un regolatore emotivo,
stivali ugg uomo Tutti pazzi per lo shopping
come se questo diventasse un anestetico che lenisce il dolore e la frustrazione che derivano da problemi quotidiani.

Da alcune indagini emerge, infatti, che il 40 percento delle donne si d allo shopping quando si sente depresso, il 60 percento invece quando di umore cattivo. Ma lo shopping irrefrenabile e insensato non solo da donna Anche gli uomini hanno imparato ad usare e a sperperare il denaro in cose molto spesso inutili e costose, proprio come il gentil sesso.

Ci che fa la differenza che le donne si sentono appagate con vestiti, oggetti e strumenti di bellezza. Anche gli uomini acquistano prodotti legati alla cura del corpo e vestiti, ma sono pi orientati all di attrezzature sportive complesse, automobili e computer, impianti audio video.

Gli esperti del settore fanno diverse distinzioni di tale comportamento: si fa shopping per necessit ( perch mi serve per puro edonismo ( perch mi piace per seguire la moda ( per essere fashion o per rispondere a una delle tante chiavi di lettura psicoanalitiche ( per sopperire a qualche mio bisogno o mancanza per tirarmi su etc.). Lo shopper compulsivo dedica il suo tempo libero solo alla passione per le vetrine. Ogni angolo della casa diventa un deposito di oggetti superflui, anche il bagno vede comparire flaconi di ogni tipo, creme per tutte le parti del corpo. Spesso per le conseguenze si notano: sensi di colpa, vergogna, depressione, sbalzi di umore nonch gravi problemi economici.

Quindi se da un lato si pu scoprire il valore terapeutico dello shopping come antidoto al nostro stress quotidiano dall lato bisognerebbe fare attenzione a non ritrovarci a seguire quel forte impulso che oltre a farci tornare a casa stracolmi di sacchetti colorati potrebbe anche farci perdere la dimensione di ci che ci abbiamo messo dentro non poche conseguenze psicologiche ed economiche.

Specialista in Psico oncologia, ho lavorato nel reparto di Oncologia dell’ospedale di Agrigento. Ho seguito poi un percorso di perfezionamento in Psicologia Forense,
stivali ugg uomo Tutti pazzi per lo shopping
soprattutto nell’ambito della valutazione del danno psichico nei contesti di risarcimento danni. Ad oggi svolgo la mia attività ad Agrigento e provincia come Psicologa Psicoterapeuta Analista Transazionale. Sono stata da sempre una appassionata di scrittura e in questa rubrica voglio cogliere il binomio ed il legame tra cronaca e psicologia.