ugg verde Pietre d’Italia

ugg 1873 Pietre d’Italia

Affidiamo, con piacere, la descrizione di tali permanenze litiche del paesaggio salentino alla scrittura accorata e partecipata di Luigi Ponzi, fissata nel volume Monumenti della civilt Contadina del Capo di Leuca della Congedo editore:

Argini e muri di chiusura dei campi

Bonificarla, vuol dire rompere la roccia affiorante per liberare la terra rossa, rimuovere questa perch il sole la fecondi. Una volta bonificata, liberata dai sassi, si ammucchiarono questi, senz’ordine, lungo i margini del campo.

Sorsero cos i primi argini di pietre voluti dalla necessit e diventati limiti del campo medesimo.

Poi il mucchio informe di pietra prese un aspetto definito, prese forma e dimensioni, si sollev dal terreno, si snell, assunse delle particolari caratteristiche e funzioni specifiche a seconda dello scopo al quale venne destinato.

Per questo si sviluppo un’arte tutta particolare che da padre in figlio venne tramandata attraverso i secoli e che sarebbe veramente meritorio poter conoscere da che parte ebbe origine (.) Si recinse il campo e il muro assunse la funzione di chiusura per innumerevoli pezzi di terra, grandi e piccoli, smisurati e piccolissimi campi chiusi: “cisure” o “chisure”.”

“Poi i muri plebei, tirati su dallo stesso contadino, che pi accorto e pi capace aveva rubato un p di quell’arte allo specialista, quando, ragazzo trasportava a spalla la pietra adatta alla parte esterna della costruzione o quella minuta per il riempimento del muro. Muri plebei dunque e, per questo, rappresentanti pi numerosi di queste costruzioni erette per la necessit di liberare il campo dal petrame, senza intenzione o pretesa di far opera d’arte.

Il tempo e gli elementi hanno sciupato e diroccato in parte le pi antiche di queste opere rurali, la vegetazione spontanea impossessata di esse, l’asparagina (smilax aspera) arrampicatasi fin sulla pietra pi alta, ha innalzato le sue infiorescenze dal profumo dolce e penetrante, e fatto pendere da lass i suoi frutti a grappoli di fuoco.”

Muri patrizi con “scarpe” e “cappello”

“Muri vecchi che recingono tenute poderi appartenuti a casati di gran nome, sono muri gentilizi, sono muri nati dalla mano dei migliori artefici del luogo senza risparmio n di materiale n di tempo, rappresentano quello che di pi perfetto ci sia rimasto in questo genere di costruzioni, eretti con maestria da artisti, dalle pietre tute uguali, sfaccettate alla stessa maniera, disposte in fila le une alle altre, in righe sovrapposte diritte ed eguali, collocate con un senso architettonico tutto particolare, che lasciano vedere uno stile.

Sono quei muri che non mancano di quei particolari accorgimenti dettati dall’arte e dalle consuetudini.

Poggiano su fondamenta adeguate all’altezza (“scarpa”) e terminano in alto con i “cappelli”, pietre pi grosse, scelte alla bisogna, ben squadrate, situate in sommit del muro, in una riga orizzontale a completamento dell’opera.

In basso, a livello terra, sono attraversati da feritoie, “chiaviche”, distanti fra loro lunghezze variabili, che permettono il passaggio dell’acqua piovana, perch questa nel suo flusso non arrechi danno al muro.

Ancora ad altezza variabile, nel muro medesimo sono stagliati in un certo numero dei piccoli nicchi quadrati detti “finesce”, che stanno ad indicare il diritto di propriet dell’intero muro, che diversamente si intenderebbe per met fra i due proprietari confinanti.

Sono pietre su pietre,
ugg verde Pietre d'Italia
sembrano messe le une sulle altre per gioco da ragazzi, che al primo soffio di vento debbono venir gi tutte quante.

Da secoli sfidano lo scirocco impetuoso ricco di salsedine, che spinge i flutti del mare ad infrangersi sulle scogliere, che conobbero la nave di Enea. Ma queste trincee dalle mille feritoie sono ancora ritte al loro posto in righe uguali ed armoniche, lungo il declinare della scogliera, distribuite come ordini di armati pronti a fronteggiare il nemico. Trattengono la salsedine caustica, fermando la furia del vento, che arrecherebbero danno alla pianta, ma lasciano passare il flusso dell’aria, la brezzolina temperata che viene dal mare, che tanto giova all’anticipata maturazione dei frutti.”

“Ancora pietre, sono muri che, fungendo da riparo e chiudendo pochi metri quadrati di suolo, formano “lu ncurtaturu” o “lu curtale” ove veniva custodito il bestiame: il vitello, l’agnellone, due pecore, una capra. Piccolo allevamento della famiglia contadina, che, quasi sempre, era una delle attivit predominanti verso il capo di Leuca, Gagliano, Castrignano, Salignano, Pat, in quanto la terra offriva poco spazio coltivabile fra sasso e sasso.

Sono dei piccoli fortini quasi sempre di forma rettangolare, con muri alti fino a quattro metri, che verso gli angoli si elevano a forma di una prora di nave. Qualche volta nel muro perimetrale trovasi incluso il trullo, che era il ricovero del contadino, mentre nell’interno del “curtale” vi sono dei piccoli ricoveri per le bestie, un abbeveratoio, la pila e la greppia.”

“I trulli sono delle costruzioni monocellulari col tetto a falsa cupola, costruite con pietre a secco, elementi antropogeografici, caratterisitici in questo ambiente di pietrame.

Questo tipo di costruzione, da circa un secolo, ha interessato i maggiorenti della cultura, sollevando incertezze e contraddizioni circa le sue origini. Mi limiter a dire che sono delle costruzioni a falsa cupola, formata da anelli concentrici di pietre, orizzontalmente disposti gli uni sugli altri in modo tale, che a grado a grado ciascuno sporga di poco sul sottostante, dalla parte interna del cerchio, facendosi a mano a mano sempre pi stretti fino alla sommit, cos da chiudere lo spazio in alto con una grossa pietra piatta detta “chianca”.

L’origine di queste costruzioni certo antichissima, probabilmente megalitica, dato che restano a testimonianza di questa ipotesi le “specche” che hanno relazione di somiglianza nella struttura e nella forma. Queste costruzioni, anche in questo estremo Salento, presentano delle variet formali. La forma tronco conica presente specie nell’estremo capo di Leuca, mentre pi a nord, verso Presicce, Salve, Matino e fino a Gallipoli e Otranto,
ugg verde Pietre d'Italia
predomina la forma a gradoni. “