sito ugg 443 HOGAN CONTRAFFATTE SEQUESTRATE IN UN NEGOZIO DI SPOLETO

ugg boots australia sale 443 HOGAN CONTRAFFATTE SEQUESTRATE IN UN NEGOZIO DI SPOLETO

Sviluppando alcuni elementi informativi ed indizi che risultavano da precedenti attivit d i finanzieri della Compagnia di Spoleto hanno individuato, presso un noto centro commerciale della citt un regolare esercizio al dettaglio che poneva in vendita scarpe contraffatte. La perquisizione presso il negozio ha permesso di sottoporre a sequestro 443 paia di calzature con il marchio della nota griffe abilmente contraffatte. Oltre a riportare sui lati il logo che contraddistingue le calzature della famosa marca, infatti, le scarpe riproducevano fedelmente il disegno della tomaia dei modelli originali, anch da diritti di propriet intellettuale in quanto modello brevettato e registrato. Le scarpe venivano evidentemente assemblate nel retrobottega del negozio, l dove le Fiamme Gialle hanno rinvenuto diversi semilavorati (34 tomaie e 60 marchi anch sottoposti a sequestro), mastici e collanti. Al termine delle operazioni, i due commercianti sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Spoleto per il reato di contraffazione. In poco pi di un semestre si tratta della terza operazione conclusa dalle fiamme gialle di Spoleto per contrastare il fenomeno della falsificazione di capi di abbigliamento. Nel giugno dello scorso anno fu denunciato un ambulante che vendeva prodotti contraffatti a Piazza d durante il tradizionale mercato. Il 13 novembre scorso invece i finanzieri del capitano Formica avevano denunciato un esercente della periferia nel cui negozio avevano rinvenuto 45 capi di abbigliamento contraffatti fra cui 6 paia di Hogan e un centinaio di cd e dvd illegalmente riprodotti.

Voglio esprimere il mio plauso alla Guardia di Finanza di Spoleto per l che sta mettendo nel combattere il fenomeno della vendita di capi contraffatti.

Ritengo sia giusto che si facciano i nomi di questi disonesti, che non solo fregano i clienti ma danneggiano fortemente l categoria. Non giusto lasciare all o peggio ancora al pettegolezzo il dibattito su chi il Commerciante disonesto. invece giusto che commercianti onesti, che vendono analoghi prodotti a quelli sequestrati, siano tutelati da eventuali chiacchiere da bar che potrebbero danneggiare fortemente la loro immagine e l economica.

Ritengo inoltre che a coloro che utilizzano tali sistemi di concorrenza sleale, vengano inflitte pesanti sanzioni, che sia da subito dichiarata la chiusura definitiva e non temporanea della stessa attivit che vengano sequestrati non solo i prodotti contraffatti ma tutta la merce in vendita, che venga negata ogni altra possibilit di esercitare tale professione, oltre che denunciati alle autorit competenti con il reato penale.

In parole povere in galera e poi a zappare la terra.

Voglio per ricordare che se certamente pi facile individuare un commerciante a posto fisso che trasgredisce, altrettanto giusto combattere coloro che vendono prodotti contraffatti o comunque senza regolare concessione anche con altre forme.

A supporto della Guardia di Finanza anche l Comunale deve attivarsi per combattere ed arginare il fenomeno dell

Il fenomeno dei falsi non riguarda solo le griffe del lusso pi note ai consumatori ma anche articoli quali giocattoli, fuochi artificiali e oggettistica varia.

La malavita organizzata si nasconde dietro l con lo sfruttamento della manodopera del lavoro nero e di extracomunitari irregolari per non parlare dei milioni di Euro evasi. I processi a noi piace seguirli nelle Aule dei Tribunali e non prestare il fianco a chi vorrebbe farli sui quotidiani. Continuando a non firmare i suoi si risposto da solo. Non Le piace? Continui a leggere altrove. Cordialit Il direttore”

il non rubare quando si ha fame” Fabrizio De Andr

Io sono entrato in quel negozio un anno e mezzo fa circa, cercavamo delle scarpe, non ricordo se la abbiamo trovate, quello che ricordo con certezza il proprietario, una persona semplice, gentile,
sito ugg 443 HOGAN CONTRAFFATTE SEQUESTRATE IN UN NEGOZIO DI SPOLETO
una bella persona. Una persona capace, che tutto sapeva di scarpe, un vero artigiano. Oggi quella persona ( quelle ?) viene trattata come un criminale, un mare di veleno

interessato scorre sui giornali online e non solo. Io ricordo belle scarpe, alla portata delle tasche di un operaio o di un impiegato. Un artista sapientemente creava scarpe per chi lavora. Non so se quello che faceva per la legge un reato, comunque da dimostrare, alla

faccia di quanti hanno sputato veleno in queste ore. Di taroccato in quello che accaduto ci sono sicuramente alcuni commenti al

vetriolo, interessati e ignoranti, nel senso etimologico di ignorare la realt C pure chi la nasconde la realt

Forse gli operai della Minerva, in queste ore sotto la pioggia a rivendicare lavoro per avere pane, in quel negozio sarebbero entrati e avrebbero trovato la possibilit

di comprare quello che cercavano, perch alla portata dello loro tasche. Adesso sono senza lavoro e senza scarpaio.

Io so che un Marchio una rendita finanziaria per un grande gruppo; i grandi gruppi hanno spesso caratteri multinazionali. Poveri cristi senza lavoro o con un lavoro di merda, pagano un capo di abbigliamento da 10 a 200 volte il contenuto di lavoro (salariale) di quella merce. Un bambino indiano o cinese prende forse l

di un euro per fare una scarpa griffata e un operaio italiano la pu comprare quando va bene a 200 euro.

Io non so se quello che faceva il negoziante di Santo Chiodo sia un reato, tutto da dimostrare; io so che a me quel negoziante anche se non lo conosco sta simpatico e lo vedo sprecato a lavorare la terra. La zappa o anche la cucchiara la vedo meglio in mano a qualche politico di “nojjandri”.

continuate a decidere quali messaggi censurare e questo mi sembra poco democratico. Non prendete la solita scusa che ci sono parolaccie o sono chissa che cosa. Ne ho scritto uno qualche giorno fa dove non c ne una parolaccia ne una minaccia ne chissa quale eresia. un cosa non fate la morale a chi non firma i commenti quando i vostri articoli non sono firmati.

“Poco cortese ed anonimo lettore, mi pare che la Redazione Le abbia gi risposto ed anche esaurientemente. Indubbiamente Lei non vuol sentire. Comunque su questo spazio si pu commentare ed esprimere le proprie opinioni, non sono ammessi dell ora n tanto meno processi. Visto che convinto di essere dalla parte del giusto, perch non svela la sua identit Tutti gli articoli, firmati o non, hanno sempre un responsabile: il sottoscritto. Lo sanno anche i bambini che si avvicinano alla lettura dei quotidiani. Carlo Ceraso, direttore responsabile”
sito ugg 443 HOGAN CONTRAFFATTE SEQUESTRATE IN UN NEGOZIO DI SPOLETO