ugg greenfield Erba Alta

stivali simili ugg Erba Alta

Foto di Anita Silva e Luca Lardera

Mi interessa scrivere e rappresentare alcune storie seducenti attorno ad un progetto di architettura incerto ed ambiguo anche se semplicissimo. La necessità di questa operazione narrativa sul progetto può essere quella di farne una cosa viva, con la quale avere un rapporto reale e della quale prendersi cura.

L’idea è partita da alcune mail che ci siamo scambiati con Luca Lardera. Lui mi chiedeva consigli sulla sua tesi ed io gli ho risposto ampliando per necessità il campo di attenzione. Forse in modo un po’ saccente ma lui è tranquillo ed ha preso bene la cosa.

La sezione a chi è rivolto del workshop, così frequente in tutti i bandi, in questo caso lavora secondo modalità particolari. Un certo gruppo di persone infatti si è già messo assieme, grazie sempre a Luca, che mi ha presentato in questo modo il resto dei partecipanti attuali:

Anita Silva, studia spazi narrativi a Londra;

Maria da Schio + Edoardo Tronchin, che sappiamo conosci;

Michele Favale, designer nerd;

Attraverso un minimo di lavoro preparatorio questo gruppo sta già lavorando su alcuni dei toni di questa esperienza. Cosa che mi piace molto, così come davvero mi farà piacere accogliere una altra mezza dozzina di persone max, quindi scrivete alla redazione in questo senso.

Ora attenzione ad una sezione ancora più insolita per il bando di un workshop di progettazione. Direi la sezione affettiva. A quanto mi risulta sia Luca ed Anita, che Maria ed Edoardo costituiscono anche due coppie. Ecco questo che sembra un particolare, secondo me invece lavora a confermare una certa attitudine di tutta l’operazione. Sinceramente non penso di essere ancora pronto per produrre una serie di workshop per coppie di giovanissimi designer, l’aspetto che invece mi interessa è che immagino questo gruppo di persone come motivato a lavorare in un senso sentimentale. In un modo realmente coinvolto.

Come mi interesserà lavorare con loro e con gli altri? Penso che partiremo da un mio progetto non del tutto concluso, davvero lacunoso anzi, per l’area attorno a Via dei caduti di Marcinelle a Milano, introducendo alcuni strumenti e sensibilità piuttosto consuete nel mio lavoro degli ultimi mesi, che riassumo velocemente più tardi,
ugg greenfield Erba Alta
alla fine di questo testo.

Questi strumenti verranno applicati dai ragazzi al mio progetto, serviranno a forzarne alcune direzioni e ad amplificarne anche temporaneamente alcune possibilità poco esplorate, in una operazione di editing continuo e poco preoccupato di raggiungere un risultato finale patinato. Tipo di processo sul quale ho qualcosa da dire perché è la definizione migliore che posso dare in questo momento della natura del mio lavoro.

Operativamente invece, non mi sento così affidabile da definire un crono programma. Ci vedremo la mattina di lunedì 21 novembre e poi ci saluteremo la sera del 23 con un piccolo evento di presentazione. Immagino che lunedì ci piacerà parecchio la fase di sopralluogo sull’area e da questi momenti mi aspetto la scrittura di un palinsesto ampio di storie attorno al mio progetto ed alle differenti versioni che ne verranno prodotte. Da martedì e dal tempo invece più tranquillo di disegno e montaggio che avverrà nella sede di Abitare, mi aspetto la produzione di materiali messi assieme con un approccio magari sinceramente indipendente (vedi nota 1). Abitare ci darà anche il supporto per una comunicazione in tempo reale via web del nostro lavoro ed anche questo confronto veloce avrà i suoi motivi di interesse.

Qual è il mio obiettivo intimo, cosa mi interessa cercare di ottenere. Mi interessa provare a scrivere e rappresentare alcune storie seducenti attorno ad un progetto di architettura incerto ed ambiguo anche se semplicissimo. La necessità di questa operazione narrativa sul progetto può essere quella di farne una cosa viva, con la quale avere un rapporto reale e della quale prendersi cura.

Il workshop è gratuito, ma limitato a una decina di posti. Per partecipare potete iniziare scrivendo alla redazione di Abitare.

Come dicevo, magari può avere ora un senso indicare velocemente alcune cose che in modi differenti riusciranno probabilmente a entrare nelle conversazioni e nei disegni.

Su alcuni modi di coinvolgimento profondo nel proprio lavoro:

John D’Agata, About a mountain.

Su un certo atteggiamento visivo che mi interessa in queste settimane:

Sul lavoro come montaggio selettivo e dispositivo di una abbondante quantità di materiale grezzo. Avere Ventanni di e con Massimo Coppola, Giovanni Giommi, Latino Pellegrini, Alberto Piccinini.

Su un certo tipo di sensazioni ambientali che alcuni progetti davvero sbagliati riescono però ad offrire:

ZZ Packer, Drinking coffe elsewhere

Sofia Coppola, Bad Days, issue 10, text by Eva Michon

Su un certo tipo di attitudine alla bassa definizione: Steve Albini pensiero Mario Lupano, con Luca Emanueli, Marco Navarra, Lo fi Architecture Sulle sensazioni che hanno a che fare con un rapporto intenso con il terreno ed il territorio, ed assieme sulla natura meravigliosa di un certo tipo di geologia:
ugg greenfield Erba Alta