Simon Sport una finestra affacciata sulle nuove tendenze dello stile e della moda nel cuore di Mantova. Entrare nel negozio come scoprire ogni volta qualcosa di nuovo in un caleidoscopio di intriganti proposte o trovare, finalmente, preziose edizioni limitate di scarpe e capi d tanto desiderati.

A colpire, prima di tutto, sono le scenografiche vetrine: veri allestimenti di grande impatto che si alternano nel corso dei mesi e delle stagioni, offrendo suggestive ambientazioni per le collezioni Simon Sport. Anche il negozio in continua evoluzione, sempre attento alle esigenze di una clientela ricercata che arriva a Mantova anche dalle altre province, incuriosita dall dell

Simon Sport un ambiente accogliente e ricercato, dove un piacere lasciarsi tentare delle molte proposte moda, aggirandosi nei 700 metri quadrati del negozio, suddivisi in un grande open space al piano terra e in tre stanze al piano inferiore, completamente decorate con antichi rivestimenti in pietra faccia a vista.

Inverno con i piedi al caldo? Fortunatamente una volta tanto la moda incontra il comfort e non ci costringe ad inutili sofferenze pur di essere ‘a la page’.

Gli Ugg boots sono stivali in montone e vengono normalmente utilizzati dai surfisti australiani per scaldarsi velocemente nelle giornate pi fredde, ma da tempo sono diventati una moda diffusa. Il brand Australia Love Collective propone una vasta collezione di modelli disponibili in varie altezze e colori, rifiniti con nastri in raso, accessori in metallo, ricami e pelliccia.

Diretti concorrenti degli stivali ‘morbidosi’ per eccellenza, sono gli Emu, in montone rovesciato di razza Merino. La pelle di montone Emu un isolante termico naturale in grado di eliminare il 70% dell’umidit conservando quindi il piede asciutto e capace di rendere il piede fresco d’estate e caldo d’inverno. Leggerissimi ma robusti, sono disponibili in diverse varianti colore: grigio, nero, sabbia, nocciola e cioccolato per l’uomo, gli stessi con l’aggiunta del rosa e del bianco per la donna.

Un ritorno dello stile seventies che coinvolge anche un’altro dei simboli indiscussi di quegli anni: i Moon Boots. La collezione autunno inverno 2008/2009 presenta in versione aggiornata e corretta il mitico calzare da neve, che oggi si trasforma in accessorio trendy da portare anche in citt.

Tanti i modelli proposti, da quelli glitterati in oro e argento della linea Delux, a quelli pi vintage della linea Epoque, con decorazioni e disegni che ricordano le atmosfere di Francia. Ci sono poi gli Ipnosis con stampe anni settanta e i Madison con dettagli di pelliccia. Comode soluzioni per essere chic senza rinunciare al comfort, sui sentieri innevati cos come sulle vie dello shopping cittadino.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalit e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonch decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Una scuola media di Filadelfia ha proibito alle studentesse di indossare in classe gli Ugg, i popolari stivali australiani con la pelliccia di montone dentro, un modello molto di moda negli Stati Uniti e ora anche in Europa. Il motivo: sono un facile ed usuale nascondiglio per i telefoni cellulari, proibiti in classe.

I popolari stivali australiani”Ugg” Foto Ansa

John Armato, preside della Pottstown School, ha spiegato che questo tipo di stivali, essendo molto larghi, fanno s che gli studentesse ci infilino dentro i telefonini e continuino a disturbare il regolare svolgimento delle lezioni con le loro suonerie.

Da ora in poi ha promesso Armato dopo aver messo al bando i caldi stivali qualsiasi ragazza verr sorpresa ancora con un cellulare a scuola sar punita con la confisca dell’ apparecchio. Secondo la stampa locale, alcuni genitori hanno protestato perch la misura riguarda di fatto solo le ragazze e viene percepita come discriminatoria.