calze da uomo e unisex

I dettagli fanno la differenza in un look: una maglietta bianca e un paio di jeans, se accessoriati nel modo giusto, possono essere più originali di qualunque stampa o taglio particolare di tessuto, così come il classico little black dress, il tubino nero, è solitamente la base da impreziosire come sbizzarrendosi su una tela.

Calze e calzini fanno parte di quegli accessori cui si rivolge maggiormente l’attenzione quando si tratta di interpretare un look classico: negli ultimi anni si è assistito ad un fiorire di fantasie sui collant da donna, ma il meglio è stato spesso presentato proprio nelle collezioni dedicate agli uomini, ricche di righe e riquadri jacquard che si intravedono tra la fine del pantalone e l’inizio della scarpa.

Questa particolare attenzione al “dettaglio calzino” muove la creatività del marchio americano Nice Laundry, nato dalla fantasia di Ricky Choi e Phil Moldavski dopo anni di riunioni in ufficio con uomini che indossavano, a detta di Choi, solo banali calzini bianchi sportivi.

La fondazione di Nice Laundry avviene ad Aprile 2013 con una startup su Kickstarter per la raccolta fondi necessaria ad avviare la produzione e una filosofia che si può riassumere in due parole chiave: unisex e riciclabile.

I calzini di Nice Laundry sono prodotti in Corea del Sud in una piccola fabbrica per mantenere i costi molto contenuti. L’idea vincente del marchio è stata la scelta di vendere solo online, con uno staff minimo di gestione, e a pacchi di sei paia di calzini originalissimi alla modica cifra di 39 dollari (circa 36 euro, escluse le spese di spedizione e la dogana extra Stati Uniti che potrebbero far lievitare il prezzo).

Le tipologie di stampa e colore sono suddivise in sei pacchetti speciali da 6 paia ciascuno Chief, Dreamer, Exec, Ladies Man, Visionary, Wild Child con la possibilità di cumulare le tipologie di scelta a seconda dei gusti: Exec e Chief sono naturalmente i più basici, dedicati a chi non ama troppo discostarsi dal classico, mentre chi ama le stampe e preferisce osare può dedicarsi a Wild Child e Ladies Man, decisamente più particolari.

I sei tipi di calzini di Nice Laundry

Indecisi su quali regalare? Ci sono anche delle comode Gift Card di importi differenti a seconda delle esigenze personali, oppure si può fare la follia e acquistare per 99 dollari il set completo della collezione, con 18 paia di calzini da scoprire.

Ciò che anima principalmente Nice Laundry, però, è l’ecosostenibilità: l’azienda collabora con una compagnia che si occupa del riciclo di tessuti usati. Il programma di riciclo è facilissimo: si segnalano quante paia di calzini vecchi si debbano riciclare e si inviano, gratuitamente, a Nice Laundry, che provvede a mandarli al riciclo; una larga parte delle fibre tessili viene riutilizzata, contribuendo ad un minore impatto sull’ambiente. Purtroppo e per ora è valido solamente negli Stati Uniti, ma l’idea è veramente notevole.

Per acquistare i calzini di Nice Laundry potere andare direttamente sul sito e dedicarvi allo shopping unisex: la taglia unica calza perfettamente i numeri più classici da uomo, mentre da donna si calcola dal 38 in su.

biz Gradimento e Info

La Nostra Storia inizia da esperienze di vita differenti che un giorno, incontrandosi, hanno scoperto una nell’altra un linguaggio comune. La passione per le scarpe e per le sfide; l’amore per la creativit e per tutte le forme d’espressione artistica; la curiosit hanno dato vita a Vlad : un progetto che vuole sperimentare; vuole dare una nuova visione del fashion e della moda. . . liberi da regole e dettami nell’ obiettivo di poter realizzare e creare le nostre collezioni. L’E commerce delle scarpe di Venezia

Made in Italy

La Nostra Storia inizia da esperienze di vita differenti che un giorno, incontrandosi, hanno scoperto una nell un linguaggio comune. La passione per le scarpe e per le sfide; l per la creativit e per tutte le forme d artistica; la curiosit hanno dato vita a Vlad : un progetto che vuole sperimentare; vuole dare una nuova visione del fashion e della moda. liberi da regole e dettami nell obiettivo di poter realizzare e creare le nostre collezioni. L delle scarpe di Venezia

Made in Italy Vladi, Shoes, venezia, made in italy, scarpe venezia, scarpe pelle, scarpe made in italy, scarpe rialto, scarpe cannaregio Made in Italy Home page JavaScript sembra essere disabilitato nel tuo browser. Devi abilitare JavaScript nel tuo browser per utlizzare le funzioni di questo sito. Il mio account La mia wishlist Il mio carrello Checkout Accedi Benvenuto nel nuovo e Commerce Vlad Il mio carrello Non hai articoli nel carrello. Informatica

Cambiasso fa il Chivu nella difesa a tre

Tre, il numero perfetto. Tre partite con la difesa a tre, tre gol rifilati questa sera al Neftchi, tre punti conquistati in ognuna di queste gare. Stramaccioni propone fin da subito un inedito 3 5 2 con Cambiasso al centro della difesa affiancato da Silvestre e Juan. Modulo che cambia a seconda delle fase di gioco, diventando spesso e volentieri un 3 5 1 1 con Coutinho che si abbassa spesso e volentieri tra centrocampo e attacco per cucire gioco. L nerazzurro riesce perfettamente nell di creare superiorit numerica a centrocampo, grazie alle linee di gioco propiziate dall posizionamento degli esterni. Mudingayi fa da scudo ai tre difensori, mentre Obi e Guar ci mettono la giusta potenza e contrastano egregiamente un centrocampo azero, fin troppo labile.

In assenza di Chivu, ottime indicazioni da Cambiasso. L imposta bene da dietro l dando possibilit agli altri suoi due compagni di reparto di allargarsi creando pi soluzioni di passaggio. Le qualit tecnico tattiche dell Real Madrid mettono l nelle condizioni di ripartire sempre palla a terra, ma al momento stesso di subire poco quando il Neftchi gioca in profondit Ottimo il lavoro di Pereira e Jonathan, che seppur non sempre perfetti palla al piede, riescono a interpretare nel migliore dei modi ci che gli era stato chiesto dall ovvero proporsi in maniera costante nelle due fasi di gioco.

La mobilit di Coutinho si rivela l nella manica di Stramaccioni. Grazie al brasiliano, l riesce a trovarsi in superiorit numerica anche quando parte schiacciata. Il giovane n.7 nerazzurro quando parte palla al piede manda in tilt tutta l tattica degli avversari. Avversari tecnicamente troppo modesti per poter palleggiare e proporre gioco, meno pronti fisicamente di quanto ci si potesse aspettare alla vigilia. L va a nozze: tanto possesso, molti inserimenti da parte dei centrocampisti (quelli che sono mancati nelle ultime gare), e ritmi mai fin troppo elevati.

Guar monumentale quando recupera palloni e si propone con regolarit in fase offensiva, dove propizia tre reti su tre. Ultima nota su Livaja: il giovane attaccante croato fa tanto lavoro sporco. Poche iniziative palla al piede, ma movimenti e appoggi preziosi per il compagno di reparto Coutinho. Stramaccioni ha avuto anche modo di far esordire il giovane Garritano. Insomma, l nodo adesso resta proprio il viaggio.

11:15 FFP, SERVONO 70 MILIONI ENTRO IL 30 GIUGNO 2018. SUNING VUOLE LA CHAMPIONS, A GENNAIO OPERAZIONI ALLA GAGLIARDINI 11:00 TS INTER, L’ARRIVO DI BASTONI ANTICIPATO A GENNAIO 10:45 ODDO: “INTER SQUADRA FISICA CHE VIVE SULLE INDIVIDUALIT. JANKTO? NON ANCORA PRONTO PER UNA BIG” 10:30 CDS INTER, DE VRIJ E GORETZKA OBIETTIVI PER GIUGNO 10:15 TS MERCATO INTER, PASSA TUTTO DA J. MARIO: SI LAVORA A UNO SCAMBIO CON PASTORE. MATA MKHITARYAN ALTERNATIVE 10:00 GDS VERSO SASSUOLO INTER, SPALLETTI PENSA A QUALCHE CAMBIO: DENTRO JOAO CANCELO E NAGATOMO? 09:45 TS BORSINO INTER: SCENDE RAMIRES, SALE ALEX TEIXEIRA 09:30 CDS JOAO MARIO RISTABILITO: ORA PUNTA IL SASSUOLO 09:15 TS INTER, OBIETTIVO ESTERNO D’ATTACCO: DA VERDI A DEULOFEU, PASSANDO PER DI FRANCESCO: TUTTI I NOMI

EDITORIALE di Gabriele Borzillo

SALI SUL CARRO, SCENDI DAL CARRO

Finalmente, mi viene da dire. Finalmente siamo inciampati, con buona pace di quelli che il VAR vi aiuta, quelli che siete in alto solo per fortuna, quelli che ritiro la squadra dal campionato, c un complotto per far andare avanti l quelli che abbiamo p.

Bologna attivissimo

Dopo Manuel Gavilan, nuova ufficializzazione di un acquisto per il Bologna, che prende dalla Juventus Albin Ekdal. Il centrocampista svedese stato ceduto in compropriet I felsinei hanno prima rilevato l cartellino del giocatore per 4,8 milioni di euro, per poi sottoscrivere con la Juventus un accordo di partecipazione relativo allo stesso giocatore per un importo di 2,4 milioni di euro pagabili in tre anni. Ekdal ha disputato 28 partite in serie A, condite da un gol (all nella gara di andata dello scorso torneo tra Inter e Siena terminata 4 3, ndr)

11:30 GDS CENA DI NATALE: PRESENTE ZHANG JR, THOHIR IN FORSE 11:15 FFP, SERVONO 70 MILIONI ENTRO IL 30 GIUGNO 2018. SUNING VUOLE LA CL, A GENNAIO OPERAZIONI ALLA GAGLIARDINI 11:00 TS INTER, L’ARRIVO DI BASTONI ANTICIPATO A GENNAIO 10:45 ODDO: “INTER SQUADRA FISICA CHE VIVE SULLE INDIVIDUALIT. JANKTO? NON ANCORA PRONTO PER UNA BIG” 10:30 CDS INTER, DE VRIJ E GORETZKA OBIETTIVI PER GIUGNO 10:15 TS MERCATO INTER, PASSA TUTTO DA J. MARIO: SI LAVORA A UNO SCAMBIO CON PASTORE. MATA MKHITARYAN ALTERNATIVE 10:00 GDS VERSO SASSUOLO INTER, SPALLETTI PENSA A QUALCHE CAMBIO: DENTRO JOAO CANCELO E NAGATOMO? 09:45 TS BORSINO INTER: SCENDE RAMIRES, SALE ALEX TEIXEIRA 09:30 CDS JOAO MARIO RISTABILITO: ORA PUNTA IL SASSUOLO

Finalmente, mi viene da dire. Finalmente siamo inciampati, con buona pace di quelli che il VAR vi aiuta, quelli che siete in alto solo per fortuna, quelli che ritiro la squadra dal campionato, c un complotto per far andare avanti l quelli che abbiamo p.

candidato alla presidenza del Bahia

Si chiama Fl Alessandro da Silva Filho, ma meglio noto come Binha de S Caetano, ha 57 anni e per la seconda volta si candida alla presidenza della sua squadra del cuore, il Bahia. Con me il Bahia vincera Coppa, Campionato, Copa Libertadores e Mondiale per club. Dimostrer a societ come S Paulo, Santos, Corinthians e Palmeiras come si gestisce un club. Il Bahia uguale all al Real Madrid e al Barcellona; un gigante del calcio brasiliano e mondiale”.

10:45 ODDO: “INTER SQUADRA FISICA CHE VIVE SULLE INDIVIDUALIT. JANKTO? NON ANCORA PRONTO PER UNA BIG” 10:30 CDS INTER, DE VRIJ E GORETZKA OBIETTIVI PER GIUGNO 10:15 TS MERCATO INTER, PASSA TUTTO DA J. MARIO: SI LAVORA A UNO SCAMBIO CON PASTORE. MATA MKHITARYAN ALTERNATIVE 10:00 GDS VERSO SASSUOLO INTER, SPALLETTI PENSA A QUALCHE CAMBIO: DENTRO JOAO CANCELO E NAGATOMO? 09:45 TS BORSINO INTER: SCENDE RAMIRES, SALE ALEX TEIXEIRA 09:30 CDS JOAO MARIO RISTABILITO: ORA PUNTA IL SASSUOLO 09:15 TS INTER, OBIETTIVO ESTERNO D’ATTACCO: DA VERDI A DEULOFEU, PASSANDO PER DI FRANCESCO: TUTTI I NOMI 09:00 CDS INTER MKHITARYAN: VIA LIBERA DELL’ARMENO. RAIOLA. 08:45 CORSERA INTER COSTRETTA AL MERCATO CREATIVO. SPALLETTI A GENNAIO AVR RINFORZI

Finalmente, mi viene da dire. Finalmente siamo inciampati, con buona pace di quelli che il VAR vi aiuta, quelli che siete in alto solo per fortuna, quelli che ritiro la squadra dal campionato, c un complotto per far andare avanti l quelli che abbiamo p.

Bond Dexia nella bufera

In quanto a volatilit le obbligazioni di Dexia Crediop non possono proprio definirsi un investimento a reddito fisso iper tranquillo. Basta vedere cosa successo ai corsi di queste obbligazioni nella crisi finanziaria del 2008 con prezzi in caduta di diverse decine di punti percentuali. Il peggio sembrava passato ma qualche settimana fa sui titoli Dexia sembrato ricominciare il tagad con discesa delle quotazioni anche violente e scambi decuplicati.Il quadro che emerge simile quasi a quello di un giallo con alcuni presunti colpevoli. Con la stessa Dexia Crediop che sta valutando se agire legalmente e la Consob che negli ultimi giorni stata invocata a intervenire da numerosi risparmiatori che vogliono capire se tutto quanto accaduto normale e se non c qualcuno che ha fatto il furbo. Intanto i danneggiati sembrano essere i risparmiatori che nel momento di maggior discesa hanno liquidato le obbligazioni in pesante perdita e la stessa Dexia Crediop.Ma cosa successo? Semplicemente una serie di fattori concomitanti che hanno innescato una serie di vendite in un mercato come quello obbligazionario gi preoccupato per i possibili colpi di coda della crisi greca e che nel caso di questo gruppo guarda sia alla controllante (il gruppo franco belga Dexia) che alla controllata (Dexia Crediop), le cui emissioni sono numerose e distribuite fra i risparmiatori italiani.La situazione della controllanteLa capogruppo franco belga Dexia in verit benissimo non sta. Da tempo sta affrontato un ristrutturazione e per non farsi mancare nulla ha messo uno pure nella crisi ellenica se le cose dovessero precipitare dato che detiene in titoli di Stato greci ha un diretta di circa 3,5 miliardi di euro (circa il 22% del capitale secondo un recente report di Ubs) a cui si aggiunge una posizione di circa 1,83 miliardi sul debito sovrano portoghese (sull sembrano non avere posizioni) su un portafoglio complessivo obbligazionari di oltre 100 miliardi di euro.Dexia non sta considerando la possibilit di una ristrutturazione della Grecia sul debito sovrano ha spiegato recentemente ai giornalisti l amministratore delegato di Dexia, Pierre Mariani, aggiungendo che il livello di capitale la banca avrebbe permesso di assorbire perdita netta di circa 800/900 milioni di euro nel caso di un cosiddetto taglio di capelli (haircut) cos di circa il 30 per cento del debito pubblico greco.E la situazione della controllata italiana, Dexia CrediopMa questa eventualit non piaciuta molta all di rating Standard Poor che ha deciso lo scorso mese di mettere sotto osservazione in negativo la societ anticipando un possibile downgrade dei rating di breve e lungo termine di un gradino. A questa notizia ne seguita un pi per i risparmiatori italiani dato che l grande agenzia di rating, Moody ha abbassato il rating di lungo termine da A2 (discreto) a BAA2 (rischioso) e quello di breve termine da Prime 1 a Prime 2 (che significa che l ha s una capacit forte di pagamento delle obbligazioni nel breve periodo ma il grado di sicurezza tuttavia meno elevatorispetto ai titoli valutati E propria questa decisione ha avuto probabilmente con qualche settimana di ritardo un notevole effetto dirompente sulle quotazioni delle obbligazioni Dexia Crediop poich questo peggioramento del rating in realt stata inizialmente quasi snobbato dal mercato ma poi invece si rivelato molto importante perch alcune banche (in primis Intesa San Paolo) hanno deciso di informare i sottoscrittori di questi bond che avevano anche provveduto negli scorsi a collocare in maniera attiva (fino al 1999 Crediop faceva di fatto parte del gruppo prima di essere ceduta a Dexia), segnalando il livello di maggiore rischiosit del titolo in portafoglio e adeguandosi cos (ma su questo punto c dibattito) alla normativa Mifid.Una inviata a molti possessori di bond Dexia Crediop il cui tenore quello di invitare i sottoscrittori del bond Dexia Crediop in portafoglio a presso la Sua filiale per verificare l del Suo portafoglio sull e valutare eventuali opportune azioni correttive al fine di riequilibrarlo in un di adeguata diversificazione del rischio, qualora l dell in oggetto ecceda il 15% Facile immaginare il primo effetto di questa lettera: per non sbagliare molti risparmiatori si sono sbarazzati a qualsiasi prezzo delle obbligazioni Dexia Crediop detenute, facendo crollare le quotazioni dei titoli maggiormente diffusi sull mercato E siccome ribasso chiama ribasso (sia che sia motivato che immotivato) altri risparmiatori in possesso dei titoli Dexia senza nemmeno sapere il perch di questo ribasso hanno iniziato a sbarazzarsi dei titoli, preoccupati che qualcosa di fortemente negativo stava accadendo sul mercato. Quasi lo stesso principio della profezia che si auto avvera.Intanto sul mercato le notizie che giungevano due settimane f sul gruppo Dexia (a livello di capogruppo) venivano interpretate negativamente (i credit default swap sulla capogruppo Dexia che raggiungevano un massimo di periodo di 370 punti base) a vedere l dei bond in Italia mentre invece a Bruxelles dopo la sospensione del titolo (col senno di poi lo scopo era di evitare insider al rialzo ma qualcuno aveva pensato al peggio) l di Dexia guadagnava oltre il 2%.In realt l fatto dai vertici di Dexia al termine di una mattinata convulsa ha avuto come obiettivo quello di tranquillizzare i mercati e la Commissione europea.Dopo gli ingenti interventi statali ricevuti il management di Dexia ha promesso un piano di dimagrimento molto forte e venerdi ha confermato che questo obiettivo verr rispettato a costo di bilanci ancora in perdita pesante nel corrente esercizio.Pi nel dettaglio la banca franco belga continuer la vendita del suo portafoglio di asset offrendoli sul mercato (in particolare quelli legati al mercato immobiliare statunitense) con uno sconto pi generoso e inoltre cedendo beni per un valore di altri 1,8 miliardi di dollari. E nella lista delle vendite compaiono Sabadell, in Spagna e soprattutto in Italia proprio Dexia Crediop che da oltre un anno sul mercato in cerca di compratori. Una preoccupazione esagerata quella del mercato sui titoli Dexia Crediop secondo alcuni trader obbligazionari perch se Dexia Crediop da considerarsi cos pericolosa perch presta soldi alle pubbliche amministrazioni allora ci sarebbe da fuggire in massa anche dai Btp secondo il loro ragionamento.Tutte queste notizie hanno evidentemente influito negativamente sul corso del titolo in cui la inviata dalle banche italiane (fra cui sicuramente Intesa San Paolo) ha provocato un effetto di neve su diverse emissioni obbligazionari. Con effetti curiosi come indica la tabella sottostante che raggruppa alcune delle emissioni pi diffuse di Dexia Crediop sul mercato Mot e Tlx. Come comportarsi di fronte a una simile giungla dei rendimenti?Alcuni titoli Dexia Crediop quotati sul Mot e sul Tlx a confrontoL di questa sul mercato stato quasi quello di un terremoto a vederne le conseguenze con perdite anche di quasi una decina di punti percentuali. Guarda caso proprio le emissioni che sembrerebbero pi diffuse fra i correntisti delle banche che hanno ricevuto la Mentre su alcune emissioni come per esempio la Dexia Crediop con codice Isin IT0004302946 o quella di pi recente collocamento come la IT0004698178 non accaduto quasi nulla. La curva dei tassi delle obbligazioni Dexia Crediop diventata cos molto curiosa e solo negli ultimi giorni si notato un certo risveglio dei compratori che ha fatto risalire dai minimi le obbligazioni pi per quanto ancora lontane dai prezzi del mese scorso.Intervistando anche il direttore finanza di Dexia Crediop, Stefano Catalano, che non si nasconde dietro un dito e che dice la sua, levandosi qualche sassolino dalla scarpa. E mi riferisco ad alcun banche in particolare. Si verificata una situazione molto concentrata nel consigliare sostanzialmente l dai nostri titoli in uno spazio di tempo ridotto. E con comportamenti commerciali da valutare. Secondo quello che abbiamo visto si verificata una pressione ingiustificata nel far vendere i titoli Dexia Crediop in portafoglio a risparmiatori spesso ignari di tutto quello che stava accadendo e sulla situazione reale dell Il risultato di questa pressione si vista nei volumi dei nostri titoli: decuplicati. Con prezzi in fortissima caduta e che solo negli ultimi giorni hanno iniziato a riprendersi. Peraltro non siamo nemmeno certi che esista un obbligo Mifid da parte di queste banche a consigliare di vendere, peraltro con questa modalit discutibile, i titoli in portafoglio. Certo un di rating ha cambiato il giudizio sul nostro debito ma al di l del fatto che giudichiamo non comprensibile questa decisione alla luce del nostro bilancio (vedi comunicato emesso da Dexia Crediop) ci sono anche i giudizi espressi da altre societ di rating come Standard Poor e Fitch che invece ci assegnano rispettivamente un giudizio di A e A I vertici di Dexia Crediop non ci stanno insomma a questo gioco al massacro e non si sentono una banca controllati dalla Banca d i nostri azionisti sono invece controllati dalla Banca di Francia e del Belgio, i regolatori nazionali e comunitari monitorano costantemente la nostra attivit e di questi tempi c il rischio che questo aggettivo possa essere male interpretato. Rispettiamo i risparmiatori nella maniera pi trasparente possibile e non c alcun fattore imminente o futuro che possa far presagire qualcosa di seriamente negativo per il futuro del nostro gruppo E nell affronta altri punti sulla situazione di Dexia Crediop, sull business e la trattativa di cessione che ha una deadline precisa: entro il 1 novembre 2012. E il cui compratore rispetto all deve aver alcune caratteristiche precise

Candreva dona la maglia celebrativa dell

Una maglia celebrativa per ricordare la partita numero 800 della Nazionale, quella contro l disputata lo scorso 9 ottobre a Scutari, stata donata dagli azzurri oggi al Museo del Calcio di Coverciano, dove sar esposta dai prossimi giorni. A consegnare la divisa al presidente della Fondazione Museo del Calcio Fino Fini stato l Antonio Candreva, autore del gol che ha deciso la sfida. La nuova maglia riporta sulle spalle proprio il nome del centrocampista azzurro e sul petto il numero 800, oltre al dettaglio della partita e alle patch ufficiali delle Qualifiers

10:45 ODDO: “INTER SQUADRA FISICA CHE VIVE SULLE INDIVIDUALIT. JANKTO? NON ANCORA PRONTO PER UNA BIG” 10:30 CDS INTER, DE VRIJ E GORETZKA OBIETTIVI PER GIUGNO 10:15 TS MERCATO INTER, PASSA TUTTO DA J. MARIO: SI LAVORA A UNO SCAMBIO CON PASTORE. MATA MKHITARYAN ALTERNATIVE 10:00 GDS VERSO SASSUOLO INTER, SPALLETTI PENSA A QUALCHE CAMBIO: DENTRO JOAO CANCELO E NAGATOMO? 09:45 TS BORSINO INTER: SCENDE RAMIRES, SALE ALEX TEIXEIRA 09:30 CDS JOAO MARIO RISTABILITO: ORA PUNTA IL SASSUOLO 09:15 TS INTER, OBIETTIVO ESTERNO D’ATTACCO: DA VERDI A DEULOFEU, PASSANDO PER DI FRANCESCO: TUTTI I NOMI 09:00 CDS INTER MKHITARYAN: VIA LIBERA DELL’ARMENO. RAIOLA. 08:45 CORSERA INTER COSTRETTA AL MERCATO CREATIVO. SPALLETTI A GENNAIO AVR RINFORZI

Finalmente, mi viene da dire. Finalmente siamo inciampati, con buona pace di quelli che il VAR vi aiuta, quelli che siete in alto solo per fortuna, quelli che ritiro la squadra dal campionato, c un complotto per far andare avanti l quelli che abbiamo p.

Ballin collezione autunno inverno 2016 2017

In occasione di Milano Moda Donna, Ballin ha presentato la collezione Autunno Inverno 2016 2017, eterna, magica e imprevedibile grazie al mix di contemporaneità e heritage in una chiave del tutto inedita.

Ballin ha catturato la curiosità di una donna raffinata dalla forte identità, e le ha realizzate attraverso suggestioni che esprimono la purezza della materia o della natura che si sposano con richiami incastonati nel tempo come solide verità, rivisitati attraverso originali costruzioni dal tocco avant garde dando vita a quattro temi di collezione.

L’attrazione fatale dell’universo, della luna e delle stelle è racchiusa in Celestial, che incanta grazie all’utilizzo di texture e applicazioni brillanti. Tacchi sferici impreziositi da strass argentati valorizzano decolleté con cinturini incrociati. Inediti tacchi dalla forma scampanata, su cui appaiono luminose perle incastonate, emettono un’intensa energia sui tronchetti dalla punta quadrata, in velluto lamé, raso e lucida vernice dai colori scuri. L’incanto di galassie o di pianeti visti attraverso un telescopio si riflette su rasi e velluti dal manto stellato che avvolgono sandali o pochette tonde, oppure da pietre trasparenti che, come frammenti di comete, si posano su stringate in pelle nera.

Lusso e maliziosa eleganza si esprimono nella proposta Gold. L’indiscussa sensualità provocata dalla cucitura delle calze dietro la gamba viene evocata da una linea dorata posta sul tacco stiletto di sensuali decolleté rigorosamente total black, mentre texture effetto tartan e tacchi in plexi trasparente nelle nuances dell’oro, argento, rame e ambra ricordano rocce preziose. L’iconico lingotto è applicato sul cinturino a T di raffinate decolleté in pelle laminata oro e argento ed impreziosisce modelli della tradizione reinterpretati in cavallino animalier.

Land Art esprime il magnetico legame tra l’uomo e la natura: le linee simboleggiano rami, i colori richiamano le foglie mentre i materiali rivisitano elementi come il legno o la Il risultato è un patchwork omogeneo sviluppato su tronchetti dal tacco solido oppure su strutture più lineari con multi cinturini che abbinano tra loro le stampe animalier per un effetto hippy chic. Incantevoli giardini invernali dai fiori ghiacciati sono ricamati su mocassini neri con suola carrarmato, mentre morbidissima nappa nera intrecciata ricorda radici di querce secolari su tronchetti flat e strutture con tacco alto.

Un forte richiamo agli anni ’70 si manifesta nella linea Post vintage. Una nuova visione di eleganza contemporanea si delinea su camperos dallo stile western realizzati in camoscio nero animato da fibbie con strass e su femminili tronchetti in cavallino leopardato che riportano in auge il plateau. Originali effetti matriosca raccontano invece una storia di incastri ed evoluzioni che partendo dalle linee di

iconiche decolleté si sviluppano in montanti e tronchetti finendo in un grintoso stivale. Grandi fasce in gros grain avvolgono il piede formando un maxi fiocco, dettaglio icona di Ballin, che valorizza decolleté, tronchetti e pochette rettangolari dall’anima elegante e raffinata.

Affianco alla collezione principale, nasce anche la prima linea indipendente di borse che si fonda sui capisaldi del brand: eleganza e femminilità sofisticata, attenta ricerca di materiali di altissima qualità e l’eccellenza della produzione artigianale rigorosamente Made in Italy. Due i temi sviluppati da Ballin per questo speciale progetto: Fall in Nature e Urban.

La prima si ispira alla bellezza della natura incontaminata e alla meraviglia che scatena sui sensi. Le nuances del tramonto avvolgono le iconiche Amal bag proposte in differenti misure, dalla pratica maxi bag fino alla sfiziosa versione mini. Azzurro polvere, sabbia, bordeaux e grigio vengono esaltati dalla particolare chiusura a forma di lingotto metallico. Spiccano raffinati e contemporanei zaini in morbida nappa liscia abbinata a pelle con lavorazione in rilievo che ricorda la superficie naturale di unaUrban richiama invece gli elementi architettonici di moderne città metropolitane, da cui emergono dettagli insoliti dall’aspetto futuristico e colori freddi di materiali come l’acciaio e il cemento, spezzati da un caldo rosso porpora. Nappa e cervo vengono modellati per definire shopping bag dai doppi manici che ricordano tiranti di acciaio, pochette piatte con pratica impugnatura frontale ed infine zaini, borse bandoliera e hobo bag, must have di collezione, arricchite da una speciale chiusura in metallo a forma di mezzaluna. Il legame con la collezione calzature è presente solo come richiamo ai colori e ai temi proposti, a differenza delle borse abbinate alle scarpe che ne completano la collezione, come una vera e propria estensione del loro mood.

Boom di furti dove vive il sindaco di Trento

Lo chiamano il Quadrilatero: via Travai, via Madruzzo, via 24 Maggio e vicolo al Nuoto, diciamo l’area compresa tra piazza Fiera e il cimitero. Due passi dal centro storico, una delle scuole più grandi e importanti della città, il Da Vinci, decine di negozi e attività commerciali. E, purtroppo, furti e delinquenza. L’ultimo, per fortuna solo tentato, è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato. Anzi, molto probabilmente l’ultimo del quale siamo venuti a conoscenza.

Il negozio è Beatrice Tessuti, angolo tra via Madruzzo e vicolo al Nuoto. Hanno agito quasi all’alba, tra le 5 e le 5.30: hanno provato a forzare la porta ma per fortuna non sono entrati. Ci restano i danni e la consapevolezza di lavorare in una zona che non è più tranquilla.

A parlare è Beatrice Toni, titolare da quattordici anni dell’attività, e prima dipendente per altri sei. Abbiamo denunciato ancora sabato. Credo si trattasse di qualche balordo che cercava soldi, magari un fondo cassa o sperava avessi lasciato l’incasso di giornata. Purtroppo negli ultimi anni non è certo la prima volta e qui nei dintorni sono ben pochi i negozi che non hanno mai subito un furto o qualche danno. Ventotto gennaio 2015: il vicesindaco Paolo Biasioli incontra un gruppo di commercianti e residenti del Quadrilatero, esasperati da spaccio e scasso, furti e degrado. Bevono un caffè insieme e parlano, discutono, si confrontano, e alla fine la promessa di rimettere tutto in sicurezza. Furti e degrado saranno un ricordo, fa capire il politico ai cittadini. Durante quell’incontro qualcuno, tra lo scherzo e la provocazione, dice al vicesindaco: Non sta facendo tutto questo perché siamo in periodo pre elettorale, vero?.

La signora Beatrice torna a quell’incontro: Ci aveva parlato di telecamere, luci e pattuglie anche perché via Madruzzo è quella che porta al Muse, dovrebbe essere un fiore all’occhiello. Anzi, parlando con alcuni negozianti, emerge che proprio nel cortile del palazzo del sindaco nei giorni scorsi sarebbero state rubate due biciclette.

Ma torniamo all’episodio che ha visto protagonista Beatrice Tessuti. La titolare prosegue. Da sabato c’è qui sul vetro l’impronta della scarpa di chi ha tentato di entrare, ma nessuno è ancora passato a controllare. Poi ci sono le immagini delle videocamere del Da Vinci, ma le controllerà qualche tecnico. Anche io ho le telecamere, ma all’interno per una questione di privacy. Ora sto pensando a una luce, come ha fatto il mio vicino parrucchiere, che ha ricevuto una visita sgradita qualche tempo fa.

A proposito di visite: dopo aver salutato e ringraziato Beatrice, entriamo in qualche negozio della zona. Ma non servirebbe entrare, basterebbe soffermarsi sulle porte: tante, tantissime, troppe mostrano segni di scasso. Lo scorso fine settimana altri due tentativi di furto sono avvenuti in via 24 Maggio, presso il Laboratorio Druso e la parrucchiera di fronte. I delinquenti non sono riusciti a entrare, forse distratti dal passaggio di qualche auto, o forse si sono arresi alle porte blindate. Ma i danni, e la paura, restano. Anche Indal e la Bottega Etnica hanno subito degli scassi, ma tempo fa.

Noi sappiamo che le forze dell’ordine prosegue Beatrice si impegnano e sono attente, ma probabilmente sono sotto organico e non riescono a sorvegliare tutta Trento a ogni ora. A me dà fastidio pensare che la mia città e il quartiere dove sono nata e cresciuta, non siano più sicuri. Ho trascorso due notti, dopo aver saputo dello scasso, tra ansia, delusione e amarezza. E qualche sera fa alle 21.30 avevo voglia di uscire a fare due passi: alla fine ho rinunciato per paura di qualche incontro sgradito. Sentirsi limitati nella propria libertà è una sensazione orribile.

Oltre alle emozioni c’è anche la questione economica. Credo se ne andranno 1.500 euro per questa porta. Poi ci sono le telecamere interne, le assicurazioni e, probabilmente, qualche nuovo intervento, come una luce notturna che penso potrà essere un buon deterrente. Speriamo prendano questi delinquenti: non conta il colore della pelle, queste persone sono delinquenti e basta.

ugg australia kids a Crotone azzera tutto in chiave lotta salvezza

La d dell a Crotone ha avuto un effetto indiretto anche sulla corsa salvezza, rimettendo clamorosamente in gioco i pitagorici. A tal proposito, si espresso il direttore generale dell Marcello Carli, che ai microfoni de Il Tirreno ha spiegato che ora la lotta per la sopravvivenza in Serie A apertissima: “Ora tutto azzerato, ripartiamo da capo. Il Crotone stato bravo a battere l e, in sostanza, inizia un nuovo campionato fatto di 7 partite. Ci aspettano due mesi intensi e difficili. Ne verr fuori chi ci metter pi qualit quantit e carattere”.

10:45 ODDO: “INTER SQUADRA FISICA CHE VIVE SULLE INDIVIDUALIT. JANKTO? NON ANCORA PRONTO PER UNA BIG” 10:30 CDS INTER, DE VRIJ E GORETZKA OBIETTIVI PER GIUGNO 10:15 TS MERCATO INTER, PASSA TUTTO DA J. MARIO: SI LAVORA A UNO SCAMBIO CON PASTORE. MATA MKHITARYAN ALTERNATIVE 10:00 GDS VERSO SASSUOLO INTER, SPALLETTI PENSA A QUALCHE CAMBIO: DENTRO JOAO CANCELO E NAGATOMO? 09:45 TS BORSINO INTER: SCENDE RAMIRES, SALE ALEX TEIXEIRA 09:30 CDS JOAO MARIO RISTABILITO: ORA PUNTA IL SASSUOLO 09:15 TS INTER, OBIETTIVO ESTERNO D’ATTACCO: DA VERDI A DEULOFEU, PASSANDO PER DI FRANCESCO: TUTTI I NOMI 09:00 CDS INTER MKHITARYAN: VIA LIBERA DELL’ARMENO. RAIOLA. 08:45 CORSERA INTER COSTRETTA AL MERCATO CREATIVO. SPALLETTI A GENNAIO AVR RINFORZI

Finalmente, mi viene da dire. Finalmente siamo inciampati, con buona pace di quelli che il VAR vi aiuta, quelli che siete in alto solo per fortuna, quelli che ritiro la squadra dal campionato, c un complotto per far andare avanti l quelli che abbiamo p.
womens ugg slippers a Crotone azzera tutto in chiave lotta salvezza