ugg knightsbridge boots ieri i deputati si sono salvati il vitalizio d

Audace colpo dei soliti noti: i parlamentari salvano le loro pensioni (d’oro). Ieri alla Camera bloccata una norma che metteva in discussione gli onorevoli vitalizi. La questione è semplice: perché i cittadini devono versare contributi per 35 anni per avere una misera pensione e invece i parlamentari dopo 5 anni di “lavoro” (si fa per dire) incassano assegni da nababbi? La semplice domanda non è stata riproposta nell’aula di Montecitorio perché la presidenza l’ha vietato. Abolire i vitalizi? Non scherziamo. Non se ne può nemmeno parlare.

A presentare la mozione (che sarebbe stata immediatamente esecutiva) l’onorevole Idv Antonio Borghesi, lo stesso che ci aveva già provato nel settembre 2010. I lettori di Sanguisughe ricorderanno come finì allora: la mozione fu bocciata, praticamente all’unanimità, in 4 minuti e 49 secondi (poi dicono che il Parlamento è lento). Ieri la Camera ha fatto ancora prima: la mozione non è stata nemmeno messa in discussione. E’ stata dichiarata “non ammissibile”, cioè rigettata sul nascere in base a norme assai fumose e in parte modificate per l’occasione. Praticamente un colpo di mano che perpetua lo scandalo. Evviva: i vitalizi dei parlamentari sono salvi. Cari italiani, vi tocca continuare a pagarli. E’ stato calcolato che in 5 anni da onorevole un parlamentare versa circa 60mila euro di contributi. Da pensionato ne incassa in media 440mila (se maschio) e 550 mila (se femmina). Significa che ogni pensione da parlamentare costa alla collettività dai 380mila ai 490mila euro. E poi mettono il ticket sulla sanitàQuello di Fini ieri è stato davvero un immenso autogol. Se poteva sperare di raccogliere un minimo di consenso tra chi come me era profondamente deluso dalla Lega e dal berlusconismo, oggi può solo ritenersi un animale in via di estinzione. Durerà solo quanto questa maggioranza. Alle prossime elezioni lui, bocchino e tutta fli saranno praticamente estinti. Non è ammissibile e neanche eticamente pensabile ritenere e legiferare in maniera retroattiva per tutti gli altri italiani e considera la Casta una entità intoccabile una vera barbarie non riuscire neanche ad avvicinare un minimo di giustizia sociale a queste sanguisughe. Proprio lui che vive di politica da sempre e che saremo sicuramente costretti a trovarlo sui giornali di gossip a prendere il sole sul ponte del suo motoscafo SCHIFO senza limiti. Presidente Fini SI VERGOGNI

Conferenza Stato città ed autonomie locali 2 febbraio 2011:

disposizioni legislative che si sono affastellate, giustificate dall di ridurre i costi della politica, hanno colpito sensibilmente la dignità degli amministratori locali e messo in discussione anche la loro funzione di rappresentanza istituzionale.

fa comunque presente che a decorrere dal gennaio 2012 dovrà procedersi all ISTAT degli emolumenti

Le nuove indennità previste:Rimango Perlplesso. Non una voce si è alzata dalla CASTA per ridursi uno dei tanti benefici che hanno. Continuano a chiederci sacrifici. come possiamo fare per cambiare le cose?

4 righe tratte dalla nostra COSTITUZIONE che dovrebbero far riflettere la CASTA (sempre che sappiano che esiste una costituzione!):

1)Il lavoro non è solo un rapporto economico, ma anche un valore sociale che nobilita l Non è solo un diritto, bensì anche un dovere che eleva il singolo. Non serve ad identificare una classe

2)tutti i cittadini, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni sociali e personali, sono uguali davanti alla legge (uguaglianza formale, comma 1)

3)la scuola è aperta a tutti; quella statale è gratuita; libera e senza oneri per lo Stato quella privata

4)la preponderanza di organi elettivi e rappresentativi; il principio di maggioranza ma con tutela delle minoranze (anche politiche); processi decisionali (politici e giudiziari) trasparenti e aperti a tutti; ma soprattutto il principio di sovranità popolare.

ma questi vivono in un galassia!!! sono distanti anni luce da noi schiavi non si rendono conto di quanto sia difficile sopravvivere per noi comuni mortali, almeno ci portassero rispetto! sarebbe ora di cominciare a lavorare seriamente altro che ferie!! fannulloni assenteisti, non sanno far altro che litigare come delle comare e in definitiva sono inconcludenti

ma possibile che questi tutti i giorni siano in tv e sui giornali? non date spazio alle loro dichiarazioni

e voi, sanguisughe, almeno fateci un favore risparmiateci le vostre cazzate grazie

Incommentabile! E proprio vero che al peggio non c mai fine. Fra inchieste, mazzette e ladrocini sguazzano nella melma come loro habitat naturale. Brava Susy. Per deliberare norme a loro consumo ci mettono meno di 48 ore ma se si tratta dei loro privilegi fanno quadrato e diventano intoccabili. Chi ha scritto i principi dell Se c volonta in 24 ore si modificano i principi dell e nelle altre 24 ore si sradicano i vitalizi in essere per ricalcolarli come per gli altri comuni mortali e cioè con il metodo contributivo. Sono insaziabili e devastano il futuro delle nuove generazioni caricandole dell fardello costituito da tutti questi costi assolutamente inutili, che non fanno altro che erodere i servizi pubblici e la nostra qualità di vita. Oggi la stessa operazione è stata ripetuta da Schifani. Un vero SCHIFO. Credono che se tutti ribadiscono la stessa zozzeria forse può sembrare meno zozza. Siete uno SCHIFO.

Non avevamo dubbi non poteva essere altrimenti! Tagli? Si, sulle saponette gli arredi, la cancelleria etc un pò di fumo negli occhi di noi poveri peones per poi tra un pò (mesi? Anni?) accorgersi che i tagli erano stati troppi e via ad affidare spese ed appalti ai soliti noti. Supponiamo (suvvia con un pò di immaginazione ) che il loro stipendio sia guadagnato va bene lom stipendio. Ma la norma che gli garantisce la pensione (e che pensione) dopo pochi anni di mentre a noi tocca lavorare 40 anni bè quella proprio non ha uguale in tutto il mondo. Complimenti anche il naso rosso PAGLIACCI!
ciabatte ugg ieri i deputati si sono salvati il vitalizio d

Se per andare in pensione con il massimo ci vogliono 40 anni di contributi ed io li ho versati tutti, pretendo l pensionistico il mese successivo.

Se lo stato mi costringe a restare al lavoro mi deve pagare lo stipendio e versare l pensionistico maturato con i miei 40 anni di contributi versati.

Se questo non avviene, lo stato mi sta trattanendo arbitrariamente di 12 mensilità + la tredicesima + la mensilità del mese aggiunto nel 2011.

ugg lynnea boots Azioni per affrontare rischi ed opportunita’

Elaborando i miei processi in fase di planning (in questo caso attività) per raggiungere l’obiettivo, ce ne sarà uno che prevede di attraversare la strada sulle strisce pedonali per andare al bar

Rischi del suddetto processo: rischio di essere investito dalle auto durante l’attraversamento

Faccio la mia valutazione del rischio tramite indici e quant’altro, espressi in modo da tenere conto del contesto (traffico elevato, visibilità, presenza di curve eccetera) e trovo che il rischio è alto.

Tra i piani per poter abbassare il rischio viene fuori la possibilità di attraversare il cavalcavia posto 500 m di distanza dal Bar rispetto alla strada di provenienza.

Bene, ecco le mie domande alle quali sarei grato rispondeste (posta la corretetzza dell’esempio sulla quale non giurerei):

La possibilità di attraversare il cavalcavia è un piano conseguente all’analisi del rischio di essere investito attraversando, od è una opportunità legata al processo ed individuabile prima di effettuare l’analisi? Faccio fatica a fare distinzione tra i concetti,
ciabatte ugg Azioni per affrontare rischi ed opportunita'
in quanto abbassare la probabilità di essere investiti è una opportunità

Prendere in considerazione di attraversare sopra il cavalcavia non potrebbe rientrare già nella dìfase di pianificazione dei processi per raggiungere l’obiettivo “fare la ricarica”?

Ed ancora: l’idea di fare la ricarica da casa su internet, senza andare al bar è anch’essa conseguente dall’analisi del rischio e costituisce un piano od è una opportunità legata all’obiettivo? Di certo non è una opportunità del processo “attraversare la strada” perchè se viene presa in considerazione, quest’ultimo processo è annullato.

Come vedete sono molto confuso, avrei bisogno di un po’ di chiarezza.

Ti ringrazio molto, ho capito meglio alcuni aspetti mettento un po’ di ordine in testa. Tuttavia alcune questioni mi risultano fumose, tipo per la scelta preliminare del processo da adottare, tu mi hai detto “se vuoi metti a confronto i rischi di tutti i processi e prendi una decisione su quale seguire”. Se io non facessi questa analisi preliminare sui processi e prendessi una decisione non approfonditamente ragionata su quale adottare e comunque poi faccio l’analisi sui rischi del processo scelto,
ciabatte ugg Azioni per affrontare rischi ed opportunita'
avrei comunque rispettato la norma? E poi non capisco le opportunità a che livello intervengono con rispettiva analisi; anche queste a livello di processo scelto, oppure preliminarmente alla scelta del processo, od ancor ad entrambe i livelli? Ad esempio un’opportunità legata al proceso di attraversare sul cavalcavia (giusto per capire) potrebbe essere scoprire nel tragitto in più percorso l’apertura di nuovi bar sul lato strada dove già mi trovo ? Vorrei evitare di ingarbugliare troppo l’analisi e capire veramente cosa è necessario.

Valuti le tue alternative, valuti il rischio di ognuna e immagino tu scelga quella che ti restituisce il bilancio costi/benefici/rischi migliore (questo lo fai durante l’analisi di fattibilità o se vuoi riesame del contratto).

Una volta scelto, una volta avviata la produzione, i tuoi rischi sono identificati e quindi puoi gestirli intervenendo per abbassarli o per elminarli,
ciabatte ugg Azioni per affrontare rischi ed opportunita'
ma non puoi pensare che il tuo processo rimanga lo stesso per sempre.

metti che una nuova giunta comunale decide di abbattere il cavalcavia o che i costi di internet del pc di casa raddoppiano, la tua analisi dei rischi verrà quindi di volta in volta aggiornata.

Potrebbero costruirti una via preferenziale che dal cavalcavia scende al bar, dimezzando tempo e rischi.

Oppure potrebbero deviare il cavalcavia verso una zona malfamata, allora la scelta del cavalcavia diventa più rischiosa che fare la ricarca da pc.

Buongiorno! Sì quanto mi ha riferito KK lo ho compreso; tra l’altro mi sono imbattuto diverse volte nello studio delle modalità di valutazione dei rischi tramite FMECA ed i valori attribuiti ai vari indici dipendono un po’ dalle tabelle di riferimento che decidiamo di costruirci per la valutazione; poi sinceramente non sono nemmeno stato a ragionare sui valori forniti,
ciabatte ugg Azioni per affrontare rischi ed opportunita'
mi interessava un altro tipo di concetto. Comunque, gentilmente, avrei un’altra domanda alla quale mi piacerebbe se possibile ricevere risposta, ed userò i miei esempietti banali per capire.

Sono un ristorante che serve menù completi. Non so però cucinare dolci e mi affido ad una pasticceria per produzione e fornitura dei medesimi.

Quando vado a valutare i rischi dei vari processi del mio sistema in ottemperanza del 6.1, per i processi affidati alla pasticceria come ad esempio la produzione del dolce (che comunque farò figurare nella mia mappa processi del ristorante con l’indicazione che è un processo in outsourcing), io devo valutare anche i rischi propri del processo di realizzazione dei dolci come se effettivamente lo stessi realizzando io (anche se magari non avendo esperienza mi risulta difficile sapere di che rischi si sta parlando se non alcuni più o meno ovvi che comunque potrebbe essere utile formalizzare), oppure devo determinare i rischi connessi al fatto che questo processo è affidato all’esterno,
ciabatte ugg Azioni per affrontare rischi ed opportunita'
oppure, tutte e due le tipologie? Spero di essermi fatto capire! Grazie messeri!